logo la rete

Conferenza consenso associazioni

Con il patrocinio di

logo fiasologo fnomceo

Cos’è

“Le incertezze all’interno della medicina nascono generalmente o per mancanza di studi appropriati su specifici argomenti o per la natura stessa dell’argomento che non si presta ad essere affrontato con studi quantitativi. In questi casi la conferenza di consenso rappresenta un utile ed efficace strumento in grado di sintetizzare ciò che si conosce e affrontare le incertezze con comportamenti di buona pratica clinica. Rispetto al percorso di stesura di una linea guida, la consensus conference aggiunge alcuni elementi di originalità, di cui il principale è che le risposte al quesito di partenza, oggetto della conferenza stessa, sono elaborate da una giuria multidisciplinare ed eterogenea, rappresentativa di tutti i diversi possibili approcci (e interessi) al tema controverso”.
Questo brano è tratto dalla prefazione di Alfonso Mele (Istituto superiore di Sanità) al volume “Come organizzare una conferenza di consenso. Manuale metodologico”. Editore: Sistema Nazionale Linee Guida (SNLG).

http://www.zadig.it/progetti/come-organizzare-una-conferenza-di-consenso

In Italia rispetto alle Gravi Cerebrolesioni sono state organizzate tre conferenze di consenso. Le prime due consensus di Verona (2000) e Modena (2005) sono state promosse dalla Sezione sulla Riabilitazione del Traumatizzato Cranio-Encefalico e delle Gravi Cerebrolesioni Acquisite (TCE-GCA), in stretta collaborazione con la Federazione Nazionale Famiglie Traumi Cranici (FNATC) su mandato della SIMFER. Hanno prodotto raccomandazioni sulle “modalità di trattamento del traumatizzato cranio encefalico in fase acuta” e sui “bisogni riabilitativi ed assistenziali nella fase post-ospedaliera”, ponendo l’accento sui percorsi organizzativi nelle varie fasi dopo uno stato di coma.

La terza Conferenza di Consenso (Salsomaggiore 2010) ha centrato l’attenzione sulla fase di riabilitazione intensiva ospedaliera, setting nel quale più facilmente le procedure terapeutiche possono essere controllate in termini di efficacia e sicurezza.
Con lo scopo di definire indicazioni e raccomandazioni sulle condotte riabilitative più adeguate da tenere nella fase di riabilitazione intensiva ospedaliera delle persone colpite da GCA.
www.consensusconferencegca.com

documento finale dela Giuria – Conferenza di consenso Modena 2000 Documento_finale_I_Consensus_20-21_06_2000

documento finale della Giuria – Conferenza di consenso Verona 2005 2 Consensus Conference GCA verona 2005

documento finale della Giuria – CC Salsomaggiore 2010  3a_CC_Gravi_CerebrolesioniAcquisite-Documento_Finale_Giuria

La prima “Conferenza nazionale di Consenso promossa dalle associazioni” sposta il punto di vista. E’ Una conferenza di consenso non basata sull’evidenza ma che risponda ai bisogni dei familiari, alle domande che derivano dal loro ruolo, per  indicatori di  qualità condivisi tra il mondo sanitario e l’ associazionismo. Una conferenza sui bisogni non soddisfatti e sui risultati attesi e ancora sospesi.